Storia

L’avventura della Carnaby Team ha inizio negli anni 70, precisamente nel mese di Giugno del 1971 . L’obbiettivo, quello di costituire una società sportiva fuori dagli schemi tradizionali, moderna nei contenuti, nei rapporti fra i suoi componenti,  nel  modo di proporsi all’interno e all’esterno del team, a livello dirigenziale e rivolta solo  ed esclusivamente al Magico mondo della Pallavolo.

Tutto è  stato elaborato con attenzione. Una immagine rigorosa, la scelta del nome fuori dai comuni standard, una grafica incisiva e personalizzata, il marchio della volpe arrotolata, la forma delle lettere, disegnate a mano libera , la scelta dei colori sociali di forte impatto, blu, arancio, verde, bianco e la divisa di gioco, disegnata e prodotta in esclusiva dalla ditta Elle2 di Carpi. In pochi mesi il numero delle ragazzine che frequentavano i Corsi era cresciuto al punto da crearci seri problemi logistici, superati solo con doppi turni di allenamento e con  l’acquisto di un Pulmino, rimesso a nuovo, per riaccompagnare le Atlete. Mancava solo una cosa, ma molto importante, la Sede della  “Carnaby Team.”

Ho sempre sostenuto che per essere credibile e professionale, una società sportiva dove avere la sua
Sede, un punto di riferimento per gli Atleti, i Genitori, il Coni, la Fipav e tutti gli Organi sportivi Nazionali.  Lo sforzo  per una  società giovane come la Carnaby , è stato grande, ma abbiamo  sempre avuto la Sede, in Cesare Battisti, in Via Farini,oggi in Rua Pioppa, sempre  nel cuore della Città.

La Carnaby Team però si  è imposta all’attenzione del Volley, soprattutto grazie ai risultati sportivi, che hanno premiato i sacrifici e le scelte dei Dirigenti,  il segno di  una  politica  societaria  rigorosa, che ci ha portato a superato i traguardi che ci eravamo posti , in modo Esponenziale.

Dai centri di formazione, grazie a un Allenatore che ricordiamo con grande affetto, Benedetti Lorenzo, ci siaamo presentati al via dei campionati Femminili della Fipav , vincendo all’esordio l’Under 18 e raggiungendo con la stessa formazione di base la promozione dalla Terza alla Seconda divisione , e dalla Prima divisione, fino alla serie “C” ottenendo ogni anno una Promozione
.

Nel 1978 alla femminile si è affiancata la Maschile, anche questa volta grazie al lavoro straordinario di un Allenatore Ribecchi Gianni. Chiamato ad aiutarci con le Femminili, Gianni si presentò con una straordinaria formazione Maschile. Quella squadra dopo aver vinto l’Under 18 Provinciale e Regionale, per 4 anni e mezzo non ha mai perso una sola partita, raggiungendo la serie C/1 attuale B/2, con un salto di 6 campionati in soli 4 anni. La squadra maschile procedeva a una velocità tale da non consentirci di creare un settore giovanile che potesse garantire la continuità e i ricambi alla prima squadra.

Io e Mara sapevamo benissimo che dopo cinque anni di successi consecutivi, dopo aver vinto i Campionati e tutti i Tornei ai quali avevamo partecipato, prima o poi avremmo  dovuto  affrontare una realtà molto diversa. . . L’alternativa ? L’alternativa era quella di rallentare la Squadra, stabilizzarla in un Campionato inferiore e cercare di garantire in tre /quattro anni, un ricambio di Atleti,  tecnicamente e qualitativamente in grado di affrontare tutti gli impegni sportivi assunti dalla Società . . .

Io avrò sicuramente tantissimi difetti, ma nel mio Dna non esiste che io fermi una squadra che sta ottenendo, quei risultati e quelle vittorie, con quella disarmante facilità che è tipica solo delle Squadre che hanno la ” Mentalità Vincente “, per stabilizzare un gruppo che chiedeva solo di entrare in campo per Vincere. . Preoccupazioni, Timori, Problemi ?? Certamente, ma quando non hai scheletri negli armadi, non devi avere paura di niente, devi solo guardare avanti, contando sul gruppo e sempre  ” Insieme “.

Ricordatevi nella vita possono rubarci tutto, anche le cose che riteniamo di conservare con grande cura e tanto amore, ma nessuno potrà mai toglierci i risultati che abbiamo ottenuto nello Sport.  Quei risultati non sono Negoziabili, rimarranno sempre un nostro patrimonio Personale.

Rientrati con la maschile in Prima divisione, abbiamo accelerato con la Femminile  Insieme” a un altro grande amico della Carnaby, Fabio Rossi, brillante giornalista e profondo conoscitore della Pallavolo che si avvicinò alla società insieme all’Allenatore  Roberto Gazzotti. Questa unione di forze ha prodotto una serie di risultati che ci hanno portato fino alle soglie della serie A/2 . Per anni oltre ai bellissimi risultati, siamo anche stati la squadra più elegante  dell’intero mondo della  pallavolo  modenese e non solo.

Se io e Mara dovessimo allargare il nostro gruppo Dirigenziale per affrontare nuove avventure Carnaby nel mondo della pallavolo, lo faremmo solo  con una persona, il nostro amico Fabio Rossi.

Ripartiti con la Maschile dalla Prima Divisione, con un parco giocatori completamente nuovo, abbiamo ripetuto e ottenuto gli stessi risultati dei primi anni 80, con una serie di promozioni impressionanti culminate con la conquista della Serie  “B2” con un punteggio, nella Classifica finale stratosferico, definito alla premiazione del “ Top Modena . . . Imbarazzante “

La Carnaby Team, pur  nella dimensione che la contraddistingue, è una società di prestigio che ha sempre privilegiato i rapporti con tutti i suoi componenti, Allenatori Atleti, Collaboratori, ai quali ha sempre chiesto solo Impegno, Serietà,  Professionalità.

Nel 2003 il Sindaco Giuliano Barbolini, l’Assessore allo Sport Marino e la Sig.ra Maria Carafoli ,hanno premiato con la Medaglia d’Oro del Comune di Modena , gli Atleti e i Dirigenti della Carnaby Team, per i 30 anni ininterrotti  di attività nella Pallavolo. La manifestazione si svolta nelle sale del Comune, con la visita delle storiche sale comunali, un rinfresco e la consegna dei premi da parte del Sindaco Giuliano Barbolini

Nel 2010 la C/T si avvia a compiere 40 anni di attività, un record impensabile nel momento dell’affiliazione alla  Federazione  Italiana di  Pallavolo, ma  una grande gioia nel constatare che, tanti dei giocatori che hanno vestito la maglia della società, sono maturati professionalmente e hanno proseguito la loro carriera arrivando ad allenare squadre maschili e  femminili, di serie A/1 e A/2, la Nazionale femminile e quella giovanile Statunitense, la Nazionale Tedesca, sempre con risultati eccellenti. Solo alcuni nominativi:

Giovanni Guidetti, Gazzotti Marco, Di Mattia Alberto, Davide Baraldi, Dondi Mauro, Enrico Barbolini, Massimo Nannini, Cambi Roberto, Giovanni Avallone, Roberto Bicego, Cassanelli William, Paolo Gambetti, Alfonso Marazzi, Simone Tassoni . . .

Un esempio di serietà, di attaccamento alla società e di un rapporto trasformatosi nel tempo in una amicizia, profonda  e  sincera, è  quello di  Ferraresi Paolo, entrato in Carnaby alla nascita del settore maschile nel giugno 1978, con il ruolo di palleggiatore, festeggia oggi il suo 32° anno di appartenenza in quella società che oltre ad apprezzarlo come atleta (non ultima la gara a Spilamberto, anno 1999, contro la squadra di Stefano Sibani, con il primo Palleggiatore in difficoltà e Zico che entra con la sua solita palla alta, per Giovanni Guidetti che puntualmente la mette a terra) lo porta come esempio di correttezza, professionalità e attaccamento alla società. Una gran bella Persona .

Giovanni Guidetti  “Il Professionista di una grande e storica Famiglia di Professionisti, la Carnaby Team gli deve molto. Per Giovanni il nostro affetto và ben oltre la Pallavolo“
Pietro  Peja .” Mi spieghi una cosa sig. Gian Paolo. . . Mi sono presentato con le credenziali della mitica Panini . . . ma lei come ha fatto a portarmi via la “C” del Menegola. . .
Cassanelli William,”Nella Società ha ricoperto tutti i ruoli, ottimo Giocatore , bravo Allenatore e Dirigente, un grande Amico della Carnaby , ma principalmente un nostro Amico Personale.

Carnaby T. è sinonimo di un modo di fare sport mai superficiale o banale, dedicato al crescente bisogno dei giovani che amano l’agonismo e il contatto con una realtà  sportiva fatta  anche di contenuti, di valori, di dialogho e di rapporti  costruttivi  fra i suoi componenti. Unica nel suo genere per la conduzione dirigenziale, premiata dai risultati sportivi , dai nostri atleti  rimasti vicino alla società, che considerano anche loro e dai tanti amici che hanno capito il significato dell’espressione che è stata alla base di tutto il nostro impegno “INSIEME”.

Fra tutti mi fa piacere ricordare uno sportivo di rango un amico che ci ha lasciato ma che ricorderemo sempre con affetto: Peppino Panini. Peppino una sera, alla presenza dei dirigenti Regionali e Nazionali, della F.I.P.A.V. alla Camera di Commercio di Modena alla fine del suo intervento disse “Ricordatevi a Modena, le uniche due società sportive che fanno Pallavolo e  solo Pallavolo,  sono la Panini e la Carnaby” del Sig. Bulgarelli, seduto quì in prima fila. Un riconoscimento veramente impagabile, da parte di un Amico e di un autentico uomo di Sport, una persona Vera ,che sapeva sempre farti vivere con il cuore, quello che ti offriva come Uomo Sportivo.

Le persone da citare sarebbero tante e il rischio grosso è quello di dimenticarne ingiustamente  qualcuna, allora vi dico quello che ho ripetuto fino alla nausea, la Carnaby Team è di tutti gli Atleti e delle Atlete che hanno contribuito a farla crescere a diventare una realtà sempre competitiva, leale e a regalarci i numerosi successi nei campionati ufficiali della Fipav, nei Tornei e nei “ 4 Titoli Italiani Assoluti dell’A.c.s.i.”

Per gli Atleti, una partita in palestra, un allenamento al campo scuola, una trasferta fuori città, un torneo sulla sabbia, un campionato e una meta da raggiungere,  per noi una riunione in sede, un incontro tecnico, la ricerca di uno sponsor per coprire l’organizzazione di  una intera stagione sportiva, sempre in un contesto di armonia e amicizia “Insieme” la nostra parola magica che oggi compie “40 anni”.

Abbiamo raccolto un volume ricco di splendide fotografie che ci ricordano, in modo indelebile i momenti più belli, ma oggi dobbiamo  ricordare, con riconoscenza tutti gli amici che ci hanno permesso, grazie al  loro aiuto di arrivare a questo appuntamento. Sono gli “ Sponsor “. Sono lieto di sottolineare che la ”Carnaby “ non ha trovato solo degli sponsor, ma delle persone con le quali abbiamo Consolidato , rapporti di sincera amicizia . .” I n s i e m e ”

Gian Paolo Bulgarelli   /   Rocchi  Mara